Perché allenarsi con un Personal Trainer a domicilio

Il Personal Trainer a domicilio è la soluzione ai problemi di chi ha poco tempo a disposizione o non ama frequentare le palestre. Per mantenersi in salute e migliorare la propria forma fisica occorrono almeno due o tre ore a settimana da dedicare all’allenamento. Recandosi in palestra, questo tempo raddoppia o triplica.

Inoltre, con l’arrivo in Italia delle grandi catene di centri fitness, le palestre sono diventate luoghi sempre più affollati e caotici, dove spesso gli iscritti vengono abbandonati a loro stessi, con una scheda di allenamento standard, non personalizzata. In questo contesto è facile demotivarsi ed abbandonare gli allenamenti, specialmente nel caso dei principianti o di chi non è abituato ad allenarsi.

Da qui nasce la necessità di allenarsi a casa con un professionista qualificato.

Personal Trainer a casa: quali caratteristiche deve avere?

Il Personal Trainer a domicilio deve rispondere a determinate caratteristiche per soddisfare i bisogni di chi richiede questo tipo di servizio. Innanzitutto, come per quanto riguarda gli altri servizi di Personal Training, deve essere qualificato. Può sembrare un concetto scontato, purtroppo non lo è. In Italia il percorso per diventare Personal Trainer non è univoco: si può acquisire questa qualifica laureandosi in Scienze Motorie, studiando 5 anni, o frequentando uno dei tanti corsi di formazione per Personal Trainer, della durata di uno o due weekend. E’ facile comprendere come sia facile incappare in un Personal Trainer poco competente. La prima regola è valutare sempre la qualifica e i titoli in possesso.

Oltre ad essere qualificato, un Personal Trainer deve avere esperienza, comprovata da testimonianze, foto, di clienti allenati e soddisfatti. Un altro fattore che contribuisce all’esperienza è la pratica: non si può insegnare un esercizio o una tecnica di allenamento se prima non si ha avuto modo di provare su se stessi. Se è pur vero che un esercizio o una tecnica di allenamento provocano risposte diverse da persona e persona, provarli su se stessi prima di insegnarli permette di avere un feedback in più e migliorare la qualità dell’insegnamento.

Bisogna considerare anche la disponibilità: come detto prima, questo servizio nasce per venire incontro alle esigenze di chi ha poco tempo a disposizione, dunque il Personal Trainer dovrebbe adattarsi il più possibile alle disponibilità di giorni e orari del cliente.

Dulcis in fundo, il costo. Mediamente i costi di un Personal Trainer a domicilio vanno da 40 a 60 euro a seduta, leggermente più alti di quelli di un Personal Trainer in palestra, perché egli deve considerare, oltre al prezzo della seduta, anche le spese e i tempi necessari agli spostamenti.

Allo stesso tempo, però si risparmia sui costi di abbonamento in palestra, di conseguenza è possibile anche risparmiare allenandosi a casa con un Personal Trainer.

Home fitness: quali allenamenti si possono fare con un allenatore a casa?

Le attività più richieste ad un Personal Trainer a domicilio sono:

  • ginnastica per dimagrire e tonificare
  • ginnastica posturale
  • pilates a domicilio

Per ovvi motivi, il Personal Trainer a casa è sconsigliato a chi vuole praticare bodybuilding o pesistica, a meno che non si abbia una palestra in casa. Per questa attività è preferibile affidarsi ad un Personal Trainer in palestra.

In quali città è possibile trovare il servizio di Personal Training a domicilio

Le grandi città si prestano maggiormente al Personal Training a domicilio, sia per il maggior numero di abitanti, che fa sì che vi sia richiesta sufficiente per un settore ancora di nicchia come quello del Personal Trainer, sia per la maggiore difficoltà negli spostamenti, che scoraggia le persone a recarsi in palestra. Le città italiane dove il servizio è maggiormente richiesto sono Milano, Roma, Torino, Firenze, Napoli e Bologna.