Kinetec a domicilio: trucchi per fare ginnastica riabilitativa a casa propria


Innanzitutto, cos’è il kinetec?

Il kinetec è un apparecchio di tipo elettromedicale utilizzato perlopiù nel periodo riabilitativo post-operatorio, al fine di rendere di nuovo mobili molteplici parti del nostro corpo, dal gomito alla caviglia, dalla spalla al ginocchio.

Utile allo scopo di prevenire eventuali lesioni causate dalla prolungata immobilità dell’arto in questione, favorisce inoltre una celere ed ottimale guarigione dello stesso.

Migliorando la circolazione a livello linfatico e sanguigno, rappresenta un’apparecchiatura di vitale importanza per la prevenzione di ostruzioni dei vasi sanguigni come ad esempio embolie e trombosi, facilitando in seconda battuta anche l’assorbimento di eventuali ematomi formatisi.

Questa tipologia di trattamento www.kinetecroma.it è assolutamente indolore per il paziente al quale viene sottoposto, risultando al contrario gradevolmente rilassante e godibile per l’articolazione da riabilitare.

Egli permette infatti un movimento delle articolazioni dolcemente graduale, in modo tale da non provocare eccessivi sforzi a livello muscolare.

Munita di un supporto di tipo mobile, kinetec permette una serie di regolazioni che renderanno la riabilitazione piacevole e niente affatto dolorosa, che tra i molteplici effetti salutari impedirà la comparsa di vistose cicatrici che limiterebbero la mobilità dell’arto.

In quali casi si può utilizzare?

Questa pratica può essere utilizzata con successo a seguito delle seguenti operazioni: operazioni riguardanti il tessuto cartilagineo, operazioni attinenti lesioni dei legamenti crociati, contusioni e distorsioni che colpiscono le articolazioni, operazioni del ginocchio, operazioni di ricostruzione, interventi chirurgici del menisco, trattamenti correttivi delle ossa (osteotomie).

Le controindicazioni?

Da praticare previo consiglio del medico curante, questa tecnica riabilitativa possiede altresì delle controindicazioni. E’infatti assolutamente da evitare in caso di stati infiammatori dell’articolazione interessata e di formazioni ossee incerte e precarie, in maniera particolare in persone anziane soggette ad osteosintesi insufficiente.

Utilizzare kinetec a casa? Si può!

Nel caso in cui abbiate subito interventi chirurgici a seguito di un’infortunio più o meno grave , kinetec rappresenta una valida ed afficace alternativa ai soliti e tradizionali metodi riabilitativi.

Senza dovervi spostare troppo e risparmiando così lunghe e faticose trasferte, kinetec permette una pratica ed efficiente riabilitazione casalinga, permettendo all’articolazione o all’arto interessato di riacquistare nuovamente mobilità e vigore stando comodamente a casa e senza fare fatica.

Durante lo svolgimento di questo trattamento ginnico riabilitativo diventa particolare fondamentale non provocare dolore, muovendo l’arto o la zona interessata costantemente ed in maniera graduale, in modo tale da riacquistare pian pianino la mobilità ed il vigore perduti.

In che modo effettuare tali movimenti? Tentare di svolgere da soli ed in autonomia tale pratica potrebbe rivelarsi un comportamento irresponsabile e dannosamente controproducente. Diventa pertanto importante la supervisione, almeno durante le prime sedute, di una persona qualificata ed esperta.

A seconda del tipo di infortunio, esiste infine una vasta casistica di esercizi da poter eseguire, dipendenti dalla zona anatomica interessata. In ogni caso, kinetec, in maniera passiva,nulla affatto faticosa e con la comodità ed il calore di casa, vi permetterà di tornare nuovamente ed in fretta ai gesti di sempre, donando ai vostri muscoli nuovo tono.