Gengive a rischio: perché è importante affidarsi al proprio dentista


Sempre più italiani soffrono di infiammazione gengivali: i dati raccolti parlano di circa 20 milioni di persone sopra i 35 anni affette da parodontite, di cui 3 milioni ormai a rischio di perdita completa dei denti. Ma come si spiegano dei numeri così elevati?

Foto da scienzaesalute.blogosfere.it

Foto da scienzaesalute.blogosfere.it

Le campagne a favore della prevenzione sembrano non essere sufficienti, tanto che soltanto l’8% delle persone affette da malattie gengivali sa quali siano le reali e gravi conseguenze di questo disturbo.

Pochi italiani in cura dal dentista

Un altro dato preoccupante riguarda i rimedi per le gengive infiammate adottati dalla maggior parte di coloro che ne soffrono. Niente dentista per 4 italiani su 10 e tante soluzioni fai da te, che si rivelano poi inefficaci.

In molti di fronte a sanguinamento e gonfiore gengivale, infatti, provano a cambiare spazzolino o dentifricio, altri ricorrono al collutorio e altri ancora tentano con dei risciacqui a base di erbe naturali o con diete specifiche. Tutti questi metodi possono essere degli utili palliativi per dare un sollievo temporaneo al dolore, soprattutto se si utilizzano prodotti professionali come quelli della linea Splat, ma nessuno di essi risolverà pienamente la patologia.

Anche aspettare che la situazione migliori da sola non è mai la scelta giusta: molti problemi alle gengive richiedono una diagnostica tempestiva da parte del proprio dentista, perché soltanto in questo modo è possibile evitare che una “semplice” infiammazione si trasformi in parodontite.

Inoltre è stato scientificamente dimostrato che esistono numerose correlazioni tra malattie gengivali e problemi cardiaci o di diabete: una bocca in salute è fondamentale per il benessere dell’intero organismo.

Scegliere il giusto studio dentistico

Andare dal dentista a molti fa paura, ma in questi ultimi anni a spaventare di più sembrano essere i costi a cui si deve andare incontro una volta iniziato un ciclo di terapie e interventi specifici. Proprio per via dei prezzi più contenuti molti italiani decidono di curare i denti all’estero, senza però rendersi conto dei rischi che questa scelta può comportare.

Il turismo odontoiatrico sta prendendo sempre più piede nei paesi dell’est europa, ma alla riduzione consistente dei costi spesso corrisponde un altrettanto ridotta qualità dei servizi offerti. Se le cure odontoiatriche non vengono svolte correttamente e nel pieno rispetto delle norme igienico sanitarie, si corre il rischio, una volta rientrati in Italia, di dover rifare completamente il lavoro svolto, con un ulteriore dispendio di denaro.

La scelta dello studio dentistico non deve essere guidata solo e unicamente dal fattore prezzo; devono entrare in gioco anche fattori fondamentali come:

  • presenza di personale competente, professionale e sempre aggiornato
  • ambiente accogliente e in grado di mettere a proprio agio i pazienti
  • chiarezza e trasparenza delle informazioni date
  • pulizia e cura degli ambienti di lavoro